Throwback Thursday

E’ Venerdì, ma qui parliamo di qualcosa successa ieri sera quindi Giovedì.
Mi sono trovata in una serata definibile “ignorante” che poi alla fine tanto ignoranti è. Una serata punk rock al RnR di Milano, organizzata da Stage Diving. Al mio arrivo la band, i Pay, aveva già iniziato e a quanto pare i presenti erano già fan della band e caldi al punto giusto. Non ci vuole molto a far scattare il primo stage diving che viene subito replicato a ruota. In pochissimi minuti volano gambe braccia, birre, si staccano pezzi di muro, insegne luminose, cartelli etc (tutto ovviamente in massima sicurezza, precisiamo). Veniamo chiamati a fare ancora più casino quando la band deve registrare un video su una canzone facilissima da ricordare: “Ameba”. Viene ripetuta e registrata 4 volte da diverse angolazioni, qui è stato un continuo stage diving con anche più persone contemporaneamente. Libertà assoluta.
Solo una cosa può bloccare il pogo: la birra. Il motivo è uno solo: il prezzo. Visto che non ci troviamo in centri sociali con prezzi sociali, visto che in generale per berti una birra non ti bastano un paio d’euri, visto che la precarietà regna sovrana ecco che coloro che avevano in mano un bicchierone appena spillato si decentralizzavano mettendosi in zone franche. Anche il più duro dei punk ora deve sottostare alla dura legge del costo della birra.

Comuuuunque, stamattina scopro che la band ha già più o meno ventanni di attività alle spalle. Sono grintosi, non sono ragazzini alle prime armi, sanno il fatto loro e soprattutto sanno divertirsi. Io non ero in formissima, non mi sentivo giovanissima ma dentro di me il sangue circolava come se stessi facendo un gran casino, ricordandomi i tempi d’oro quando il “pogo” chiamava e io rispondevo (che poi non ero nemmeno una punk).

ed ecco dove sta il “Throwback”!

una cover dei Pay con un video che rende benissimo l’idea